Viaggiare con i bambini

Spesso mi viene chiesto: “Ma come fate a viaggiare con tre bambini piccoli? Vi portate dietro tutta la casa?!” Bè.. in un certo senso.. sì! Abbiamo una roulotte!!!

 

Abbiamo sempre adorato la vita da campeggio: la possibilità di trascorrere il nostro tempo in mezzo alla natura, mangiare all’aperto e fare un pic-nic, rilassarci sotto le fronde di un albero con l’arietta fresca che ti fa dondolare l’amaca, camminare a piedi nudi, riconnetterci con la terra, conoscere i vicini di piazzola mentre sei insieme al lavatoio dei piatti.  E da quando in famiglia siamo diventati quattro e mezzo abbiamo deciso di continuare la vita da campeggio, che è un’esperienza formativa e di crescita personale per i nostri bambini (e per noi adulti) senza rinunciare ad un po’ di confort, così abbiamo acquistato una roulotte!

La roulotte è una piccola casetta su quattro ruote: c’è una mini cucina, un mini bagno, un mini tavolo, un mini armadio, tanti mini bussolotti e molti mini gavoni, un mini letto a castello, una mini dinette e, nel nostro caso, una seconda dinette che diventa un enorme letto matrimoniale e che ci ospita tutti e cinque insieme! Tutte queste mini cose fanno la gioia dei nostri bambini (ed anche nostra a dir la verità!!)

All’interno della nostra roulotte abbiamo quasi tutto ciò che ci serve: cibo a lunga conservazione utile nei viaggi, stoviglie e occorrente per cucinare, asciugamani, lenzuola e coperte per la cura della persona (utilizziamo il bagno della roulotte, ma anche i servizi igienici dei campeggi o delle aree sosta) e per dormire; qualche gioco da tavolo, le carte da gioco, fogli, colori, forbici, colla e pennelli che, proprio durante i nostri viaggi, ci servono per realizzare le composizioni artistiche fatte con i tesori raccolti in natura insieme ai nostri bambini!

 

Ciò che dobbiamo preparare e portarci da casa sono:

  • il cibo fresco che riponiamo nel frigo o nel freezer in dotazione nella roulotte,
  • qualche gioco inseparabile del momento,
  • tanti libri da leggere (spesso “a tema” con i luoghi che visiteremo)
  • i vestiti, nel corso del tempo abbiamo compreso che di vestiti ne servono veramente pochi!!

In particolare ci siamo resi conto che per i bambini è sufficiente avere un paio di cambi in più rispetto alla durata della vacanza (io considero sempre un cambio abiti ogni due giorni salvo imprevisti). Sono importanti gli stivaletti e le tute da pioggia (noi abbiamo queste qui, ho valutato che per l’uso che ne facciamo il rapporto qualità/prezzo è valido, ma sono aperta a suggerimenti migliori!!!) o da neve per giocare nelle pozzanghere/mare/fiume/laghi/neve anche d’inverno, una giacca antipioggia ed antivento ed il pile (che in caso di macchie si lava e si asciuga velocemente).

A me piace portare i nostri piccoli e sono diventata anche una Peer Babywearing (se vuoi approfondire leggi qui) grazie all’Associazione Custodi del Femminino (se ti interessa clicca qui). Quando i nostri bimbi erano neonati portavo loro nella fascia, man mano che crescono nel marsupio ergonomico (noi anni fa abbiamo optato per i marsupi ergonomici  della marca polacca Tula e abbiamo acquistato i nostri due marsupi proprio da questo rivenditore autorizzato. La fantasia dei nostri modelli ormai è superata, ma sono confezionati come questi: uno standard per i bambini dai 6 mesi circa – dai 7 ai 20 Kg – in su e uno per i toddler, dai 18 mesi circa – 11 Kg circa – fino a quando vogliono!), oppure in braccio o sulle spalle. Non usiamo e non ci portiamo mai il passeggino in vacanza.

Ci spostiamo spesso anche con la bici ed i bambini, oltre al seggiolino, si siedono nel carrellino che si aggancia alla bicicletta di mamma o papà. Noi abbiamo questo qui di Decathlon, molto basico, ma on-line se ne trovano tanti modelli veramente belli con maggiori optional e dettagli!!

Come si fa a non farsi prendere dal panico e godersi appieno la vacanza o il viaggio con i propri bambini?

Come per ogni esperienza non c’è una formula magica! Ogni famiglia deve cucirsi addosso le proprie scelte e le proprie modalità secondo ciò che crea felicità e benessere all’intero nucleo familiare!

E’ necessario vivere le giornate nel rispetto dei tempi e delle esigenze di tutta la famiglia, soprattutto dei bambini: più sono piccoli e più i tempi saranno lenti e dilatati, maggiori saranno i momenti dedicati al nutrirsi e al riposarsi, alle coccole, alla cura della persona, al gioco e all’ozio creativo! Man mano che i bambini crescono avranno tempi di attenzione maggiore e maggiore sarà il loro desiderio di visitare, conoscere luoghi, …

Secondo me, però, ciò che rende appagante e significativa una vacanza è:

  • Avere e trasmettere gioia ed entusiasmo nei confronti della scoperta che proprio quel viaggio lì sarà in grado di regalare!
  • Avere pazienza e fiducia nei confronti dei partecipanti al viaggio!
  • Allenare il proprio e personale spirito di adattamento, programmando il tour senza troppe pretese, accettando i vari imprevisti che possono capitare con un bel sorriso!
  • Sforzarsi a trovare un lato positivo anche in quelle situazioni scomode e difficili, pensando che andrà tutto bene, perchè va come deve andare, generando così un “circolo virtuoso” di fiducia e positività!

Questo che ho descritto credo sia proprio un bell’atteggiamento che si può tramandare con il proprio esempio ai bambini e che permetterà loro di avvicinarsi serenamente al concetto di viaggio!


Ti è piaciuto questo post? Lascia il tuo indirizzo per ricevere i prossimi via mail!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *