Leggere secondo me

img_20180828_1525081804412672.jpg

Da quando sono diventata mamma ho riscoperto la bellezza del libro stampato!

Certo, leggere sul Kobo o dallo smartphone è molto comodo, soprattutto quando sono nel lettone al buio con i miei cuccioli accoccolati accanto o sopra di me, ma…

Vuoi mettere il profumo della carta – meglio se riciclata – che ti entra nelle narici ogni volta che giri la pagina, la meravigliosa sensazione che ti dona il foglio ruvido sotto i polpastrelli delle dita? Sono sensazioni impagabili per me!

Poi, da quando mi sono addentrata nell’intricato quanto affascinante mondo della letteratura per l’infanzia, ho scoperto gli albi illustrati: sono libri mozzafiato sia per quanto riguarda i testi, ma anche per le immagini studiate ad hoc! C’è un lavoro di cura e dedizione incredibile da parte di scrittori, illustratori e case editrici ed io ne sono totalmente rapita!!!

Leggere ad alta voce è un dono speciale che possiamo regalare ai nostri figli anche ai piccolissimi, anzi fin dal pancione possiamo cullare loro con ninna nanne, filastrocche o poesie.. non è mai troppo presto per cominciare!

E’ speciale perchè è un tempo che permette di arricchire e riempire d’amore la relazione con i nostri bimbi! E’ un tempo nel quale possiamo fermarci, lasciare andare tutto il resto, chiudere fuori dalla porta qualunque distrazione e godere appieno della compagnia reciproca, addentrarci nella storia, dare voce ai personaggi, ridere, emozionarci…

I più piccoli potranno essere cullati dalle voci dei loro genitori, voci che conoscono da sempre e ciò genererà in loro sicurezza e senso di accudimento. Crescendo i bambini impareranno dal nostro esempio e… autonomamente spinti dalla curiosità e dal desiderio impareranno a leggere!! Leggere diventerà per loro tanto bello quanto necessario!

Ogni famiglia poi trova il momento della giornata e l’angolo della casa più adatto alla lettura, un divano con tavolino o il tappeto del salotto arricchito da coperte, cuscini, lampade o una tenda indiana fai-da-te…

Ciò che credo sia molto importante è leggere quotidianamente qualsiasi cosa, cioè fermarsi, osservare l’interesse o la curiosità dei nostri bambini e prendersi del tempo per capire che ovunque intorno a noi c’è scritto qualcosa e che quei simboli (lettere, numeri, segnali, disegni…) vogliono comunicare qualcosa!

Intendo quindi non solo libri, ma anche atlanti, ricettario di cucina, le istruzioni di montaggio di un mobile, l’inci di un detersivo, la lista degli ingredienti del pacco di fette biscottate, un SMS sul cellulare, le istruzioni al bancomat, i pulsanti di avvio della lavatrice (Amalia ha riconosciuto qui da piccolissima “la sua A”), la segnaletica stradale e quella per cantieri temporanei (Pietro adora fermarsi per strada, osservarne il disegno e chiedermi cosa significa!)…

Acquisto molto spesso i libri per i miei bimbi (che poi sono anche per noi adulti, perchè secondo me i libri non hanno un’età) per di più online e in rete si trovano molti blog, pagine FB e newsletter che offrono spunti di riflessione e consigli pratici per orientarsi tra le ultime uscite di libri di qualità.

Tra i miei preferiti c’è il gruppo FB La biblioteca di Filippo – Libri per bambini” dove si possono condividere passione e chiacchiere con altre mamme innamorate di libri e la corposa newsletter di Alessia, la libraia di Radice-Labirinto libreria per bambini e ragazzi, che è veramente una super libraia, un pozzo di idee geniali (come ad esempio Il cestino di Mirtillo che riceviamo mensilmente e i Folletti Arcobaleno per fare dei bei sogni, sono profumati e noi li adoriamo!)

Ma ci piace anche tanto andare in biblioteca, sederci lì, godere del silenzio, sfogliare i libri che le bibliotecarie mettono a disposizione e prendere in prestito qualche libro!

Spesso ci rechiamo nelle biblioteche delle città che ci ospitano durante i nostri viaggi, ci piace vedere come sono fatte, dove sono ubicate, osservare le differenze con la nostra biblioteca civica e scoprire quali libri ci possono offrire …Mi sembra proprio una bella abitudine!

Un modo di leggere speciale che adottiamo specialmente durante i nostri lunghi viaggi in auto con la roulotte è quello di ascoltare le storie, con audiolibri o audiofiabe su CD o scaricati da internet. -> Sto lavorando ad un post su questi temi che tratterà di alcune esperienze personali e qualche suggerimento!

Infine non si può dimenticare uno strumento bellissimo ed antico che arriva dal Giappone: il kamishibai! L’ho scoperto online qualche tempo fa e recentemente nella nostra biblioteca civica ho avuto il piacere di assistere ad una lettura del mitico Signor Bombetta (che purtroppo non utilizza i social) in occasione della Festa delle Biblioteche. Ne parlerò presto in un post ad hoc ed ho anche in mente di realizzarne (o farmelo realizzare!) uno!!!

 


Ti è piaciuto questo post? Lascia il tuo indirizzo per ricevere i prossimi via mail!

3 thoughts on “Leggere secondo me

    1. Ciao!!
      Grazie del consiglio, no, non lo conoscevo.. io sono un po’ monotona! Leggo perlopiù libri di pedagogia o affini!
      Ma mi ha colpito nel tuo post la descrizione dei personaggi secondari! Mi incuriosisce molto!!!

      1. Ah, su questo mi inviti a nozze: anch’io faccio sempre molta attenzione ai comprimari, sia quando leggo un libro che quando vedo un film. Questo libro ti piacerebbe molto, ne sono certo. Grazie per la risposta! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *