L’importanza dell’ambiente di apprendimento

Non impariamo solo con la mente!!!
Nel processo di apprendimento mettiamo in campo tutti i sensi: vista, udito, olfatto, tatto, gusto.
E pure il cuore



Quando si impara è necessario tenere presente che sia il luogo nel quale si impara, sia la relazione che si instaura tra educatore e bambino influiscono positivamente o negativamente sul processo di apprendimento ed anche sul prodotto finale. Per un maestro è fondamentale essere consapevole di questo e mettere in campo alcune tecniche che possono favorire ed avvantaggiare il setting.

Come possiamo aiutare i nostri bambini a seguire la lezione o nello svolgimento dei compiti e degli esercizi, momenti talvolta vissuti con stress e svogliatezza?

Agiamo d’anticipo curando il più possibile ogni dettaglio!

Creare l’ambiente o setting educativo: allestire una zona di lavoro, a casa e a scuola, confortevole e luminosa si può!!

Ecco come:

  • una piantina o un mazzo di fiori,
  • una tovaglia o un tappeto piacevole,
  • una candela luminosa, un olio essenziale amato, una torta nel forno,
  • una musica rilassante di sottofondo,
  • uno snack ricco di vitamine, una bevanda rinfrescante (o scaldante).

Scegliere una proposta didattica intrigante, coinvolgente e adatta per interesse, competenze e motivazione.
Con qualche particolare (un libricino, una penna, un quaderno, un pupazzetto) nuovo, che susciti curiosità, emozione ed entusiasmo!

Utilizzare materiali curati, il più possibile naturali, piacevoli alla vista e al tatto, pensati ad hoc per quella persona o per quel gruppo di studenti e oggetti che evochino sensazioni di benessere!

Creare l’ambiente o setting relazionale:

E, soprattutto, più di ogni altra cosa: esserci!!!

Essere educatori e maestri presenti, attenti e in ascolto! Predisposti al dialogo, curiosi e partecipi nei confronti dei racconti e dei vissuti dei bambini, calmi, distesi, sicuri e professionali nella gestione delle difficoltà, disponibili a modificare e cambiare in corso d’opera l’attività o proposta didattica precedentemente progettata e programmata.

Curare il setting relazionale: creare un ambiente disteso e curato nei minimi dettagli significa anche privilegiare il clima relazionale!
Prendersi carico di rendere l’esperienza autentica, rilassata, gioiosa e serena. Un’esperienza che nella memoria evochi emozioni e ricordi piacevoli: stupore, curiosità, gioia, felicità, soddisfazione, impegno, perseveranza, senza stress, minacce, paura o mortificazione.

Solo in questo modo il Sapere e la Conoscenza (e quindi l’esperienza dell’imparare, di studiare, di eseguire i compiti, di mettersi alla prova con sé stesso…) verranno associati a scoperta, bellezza e meraviglia e non si vorrà mai più smettere di imparare!

Parola di Maestra!!!!

Maestra Marta Reinero

 

Articoli correlati:

Imparare è bello e divertente

Come evitare il burnout


Ti è piaciuto questo post? Lascia il tuo indirizzo per ricevere i prossimi via mail!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *