Hygge, uno stile di vita!

Seconda Settimana di Avvento🕯🕯
Giorno 12

Oggi nel calendario dell’Avvento non troviamo una proposta didattica o giocosa da condividere con i vostri bambini, bensì una riflessione per gli adulti, gli educatori e, certo in modo indiretto anche per i bambini, perchè consentirà di arricchire il nostro”zainetto” di conoscenze.

Mi auguro che voi adulti possiate farne tesoro e che tale riflessione possa essere un’occasione per far brillare quella fiammella di ardente curiosità, di domande, di desiderio di approfondimento che è insita in ogni essere umano, proprio come è successo anche a me! ✨
Buona lettura!

 

Hygge è una parola esclusivamente danese per indicare un tipo speciale di intimità. Immaginate che l’hygge sia un luogo nel quale possa entrare la vostra famiglia.
La parole hygge risale al diciannovesimo secolo e deriva dalla parola germanica “hyggja”, che significa “pensare o essere soddisfatti”. E’ un valore, un punto d’orgoglio, uno stato emotivo e mentale per i danesi!

Hygge (pronunciato “ugghe”) che significa “stare insieme alle persone care in un’atmosfera intima, serena ed accogliente“, invita a lasciar da parte le problematiche della vita di tutti i giorni, i dissapori o i malumori, e non si intende un tipo di atteggiamento superficiale nei confronti della vita!
Anzi, si riferisce piuttosto a quella consapevolezza e a quel quotidiano allenamento al “Reframing” o ristrutturazione: la riformulazione di un’esperienza vissuta, orientata in un’ottica di rispetto ed empatia, l’esaminare ogni contesto nel quale si vive e trovare quei particolari nascosti, quei dettagli che ristrutturano una situazione rendendola più costruttiva. Allenandosi in tal senso si impara a trovare il lato positivo delle cose in qualunque situazione. Può essere addirittura divertente e, certamente può cambiare la vita degli adulti e quella dei loro bambini.

Creare un’atmosfera hygge può significare anche accendere candele o lucine, fare giochi insieme grandi e piccini, cucinare insieme e mangiare buon cibo, gustare una torta bevendo il tè, e anche “solo” stare insieme godendo della reciproca compagnia, sentendosi a proprio agio, in intimità.

E la cosa bella è che l’hygge dura tutto l’anno, non solo a Natale! ❤️

Proprio in questi giorni in rete mi sono imbattuta in questo bel progetto danese, che oggi calza a pennello con questa riflessione!
E’ un gioco di carte ideato da un ragazzo che aveva come desiderio quello di intessere legami maggiormente sinceri, di condivisione e attenzione reciproca con la sua famiglia, se vuoi approfondire lo trovi qui!

 

Per approfondire la riflessione sullo stile hygge leggi: “Il metodo danese per crescere bambini felici ed essere genitori sereni” non amo i libri che vogliono insegnare “un metodo per..”, non mi piace eseguire alla lettera un principio che è stato ideato e pensato da qualcun altro in un altro tempo e in un altro luogo, perchè ritengo a priori che non esistano modelli preconfezionati adatti a tutti in ogni circostanza, che rigidità!! Penso che sia estremamente importante come educatrice conoscere tutto ciò che la vita mi fa incontrare, le teorie pedagogiche, le proposte didattiche e metodologiche, i metodi vari e poi: farne tesoro, intendo dire mettere tutto nello “zainetto personale”, prendere da ogni offerta formativa il meglio per me e per i bambini che mi sono stati affidati e metterlo in pratica a seconda della situazione che stiamo vivendo!

Ma questo libro qui è diverso, non vuole insegnare un “metodo”, il titolo non gli rende onore, per questo te lo consiglio!

________________

 

La mia collaborazione con l’Associazione Custodi del Femminino continua: sono diventata una tra le moderatrice di due dei loro gruppi Facebook che tratta temi di educazione!

Se ti va puoi leggere i miei interventi alla Pagina Facebook che si chiama Educazione Liberata: Montessori, Steiner, didattica empatica e puoi mettere il like cliccando qui!

E se la pagina ti piace tanto, tanto, puoi anche iscriverti al Gruppo chiuso Facebook Educazione Liberata: Montessori, Steiner, didattica e crescita empatica, cliccando qui!

Nel Gruppo chiuso Facebook Leggimi Ancora! si parla invece di libri: albi illustrati e libri per l’infanzia, ma anche libri per gli adulti appassionati di pedagogia. Ci si scambia informazioni, opinioni, recensioni e titoli! Puoi iscriverti cliccando qui!


Ti è piaciuto questo post? Lascia il tuo indirizzo per ricevere i prossimi via mail!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *