Prendersi cura di …

Mi è molto cara l’espressione “prendersi cura di..“! 

Per me ha un’accezione positiva: un desiderio volontario di dedicarsi a qualcun altro, e in quanto tale diverso da me stesso, di uscire dalla visione egocentrica, togliere del tempo e dello spazio personale per donarlo ad un altro. 

Gratuitamente.

Per me è la massima esperienza di libertà, perché mi permette di uscire dalla mia personale prospettiva ed osservare la realtà con gli occhi degli altri.

Quando sento l’espressione “prendersi cura di..”  penso subito al sentimento di tenerezza, di premura, di amore incondizionato, di osservazione attenta e sincera, di sguardo amorevole e non giudicante, di presenza fiduciosa e discreta, di gioia pura, di sollecitudine, di zelo, di delicatezza che provo quando penso ai bambini. Ai bambini che incontro o che ho incontrato lungo il mio cammino e soprattutto ai miei di bambini, i miei figli, che mi hanno insegnato in profondità quello che per me è il vero significato del prendersi cura di qualcuno.

Continua la lettura →

Le emozioni si possono educare?

Gli esseri umani provano un ventaglio di emozioni infinito, dettato dal loro io interiore, dall’indole, da una passione o una preoccupazione del momento, da uno spavento, da una sorpresa, da una bella o da una brutta notizia, da un momento specifico che stanno vivendo… e chissà da cos’altro!!

 

Succede a tutti, adulti e bambini! 

La differenza tra adulti e bambini sta nel come queste emozioni si manifestano e come vengono gestite!

E va bene così!

Continua la lettura →

Riprendiamoci un’educazione consapevole!

Non si può certamente generalizzare, ma siamo per lo più una generazione di adulti che ha ricevuto un’educazione rigida, fatta di imposizioni e divieti, di premi e di punizioni, di ironia celata, di pregiudizi, di paura e di minacce.

Di “bisogna usare un po’ di bastone e un po’ di carota che non ha mai fatto male a nessuno”.
Di “bisogna fare bella figura!”
Di “e chissà poi cosa pensano gli altri di te!”
Di “si è sempre fatto così e si fa così, punto!”

 

 

Un’educazione che ha dato poca importanza ai sentimenti ed alle emozioni che un bambino prova.
Un’educazione che non teneva conto dell’unicità e delle peculiarità originali di ciascun bambino.
Un’educazione che tendeva ad omologare, piuttosto che a valorizzare le differenze di ciascuno di noi.
Un’educazione che non considerava i talenti, le passioni, le ambizioni ed i desideri personali di ogni bambino o bambina.
Un’educazione che non aveva come obiettivo la felicità individuale e la realizzazione personale, ma l’obbedienza ed il rigore!

Il risultato non mi sembra ottimale!

Molti di noi sono adulti ansiosi, nervosi e stressati.
Molti non riescono a sorridere.
Alcuni sono insoddisfatti del proprio lavoro o di una parte della loro vita.
Tanti genitori si sentono confusi ed inefficaci nei confronti dei loro bambini.
Ci sono adulti che sbottano di fronte al pianto di un bambino, che fanno scenate isteriche davanti ai “capricci”, che non sanno come gestire una situazione problematica e si sentono totalmente incapaci e sbagliati.

Vi siete mai chiesti perché?

Vogliamo questo per i nostri bambini di oggi, adulti di domani?

Io no!

È doveroso attuare un profondo cambiamento di prospettiva pedagogica!

Si può fare!

Insieme, con le giuste informazioni, con pazienza, costanza e determinazione!

E adesso, abbracciamo forte il nostro “io bambino interiore”, regaliamogli un enorme sorriso ed un bacio a schiocco, culliamolo, consoliamo tutte le ingiustizie subite, curiamo le sue ferite e cerchiamo di non ripetere gli stessi errori.

Io non ci riesco sempre, e tu?

 


La mia collaborazione con l’Associazione Custodi del Femminino continua: sono diventata una tra le moderatrice di uno dei loro gruppi Facebook che tratta temi di educazione!

Se ti va puoi leggere i miei interventi alla Pagina Facebook che si chiama Educazione Liberata: Montessori, Steiner, didattica empatica e puoi mettere il like cliccando qui!

E se la pagina ti piace tanto, tanto, puoi anche iscriverti al Gruppo chiuso Facebook Educazione Liberata: Montessori, Steiner, didattica e crescita empatica, cliccando qui!

 

Continua la lettura →

La fatica dell’essere mamma oggi

Qualche giorno fa, grazie alle confidenze ed alle riflessioni di una cara mamma ho pensato tanto!

Lei mi raccontava che tante situazioni che si susseguono durante le sue giornate mammesche o alcuni comportamenti che vengono messi in atto da lei e dai suoi bambini siano da lei percepiti come un peso e non avvengono in modo fluido e sereno.

Ho pensato molto a quello che mi ha detto questa mamma ed al sentimento di fatica che anche io provo nella mia quotidianità come mamma e con il quale devo fare i conti..

 

Essere mamma oggi spesso significa provare…

Continua la lettura →

La mia maternità

Allattarvi, dormire insieme, baciarvi, abbracciarvi, cucinare, fare la spesa, farci la doccia, fare un disegno, guardare un film, leggere un libro, fare un “progetto”, osservare gli animali, guardare con lentezza ciò che ci circonda, rispondere alle vostre domande, spiegare e parlare di tutto ciò che vi incuriosisce, giocare insieme a voi, portarvi sul mio petto, sulla mia schiena, sulle mie spalle, camminare dandoci la mano, ridere a squarciagola, urlare, arrabbiarci, discutere, mediare, osservarvi, apprendere, lasciarvi andare…

 

Continua la lettura →

E’ giugno: finisce la scuola, ma non si smette di imparare!

È arrivato giugno, è un mese che adoro! Inizia l’estate, il caldo, il giro in bici dopo cena, le zucchine dell’orto, lo stick alla fragola, i papaveri e i fiordalisi nel grano, le vacanze al mare, si festeggia il mio compleanno e… finisce la scuola!

Già, con questo mese non solo finisce la scuola, ma terminano anche molti corsi, laboratori, attività sportive ed è tempo di recite, spettacoli e saggi. Quante emozioni e quante sfide tutte insieme!!

Se è vero che tutti questi percorsi volgono al termine, non bisogna dimenticare che d’estate non si finisce di imparare!!! I bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze, gli uomini e le donne non smettono mai di imparare, nemmeno d’estate! 

Siamo esseri umani, curiosi per natura e ci piace porci domande, trovare le risposte, imparare, evolvere. Lo facciamo da sempre e, se ci viene concesso, facciamo tutto questo spontaneamente!

Continua la lettura →